By 17 giugno 2014 31 Comments

Consigli sugli ospedali dove partorire

Nei giorni scorsi Laura, futura mamma a Firenze (si trasferirà in città verso la fine della sua gravidanza) mi ha scritto per qualche suggerimento sugli ospedali di Firenze e dintorni.

Vivendo adesso in un’altra città non ha molti riscontri sui servizi offerti dai diversi ospedali nè la possibilità di visitarli (inoltre chiede informazioni sulla possibilità di avere l’epidurale).

Ho pensato quindi di creare questo articolo per raccogliere un po’ di esperienze che possano servire in questo momento a Laura ed in futuro magari anche ad altre mammine.

Che ne dite, mi date una mano? Lasciate un commento in fondo all’articolo!

Intanto, andando un po’ indietro con la memoria (sono passati già 4 anni dalla mia esperienza 🙂 ) può far comodo sapere quali sono gli ospedali dove poter partorire a Firenze e dintorni:

  • OSPEDALE DI CAREGGI: rinnovato nel 2012, il reparto maternità di Careggi è stato notevolmente migliorato sia dal punto di vista della tecnologia che del comfort per le mamme. Adesso ha infatti stanze da due letti e bagno in camera. Si trova all’interno dell’Azienda Ospedaliera in viale Pieraccini.
  • Sempre a Careggi, c’è anche la MARGHERITA ovvero un Centro per gravidanze fisiologiche che promuove il parto non medicalizzato. Ha pochissimi posti letto ed i requisiti per accedere al percorso sono molto precisi (come minimo analisi “perfette”!). Trovate qualche info ufficiale qui.
  • OSPEDALE DI TORREGALLI (San Giovanni di Dio) a Scandicci, ha stanze ampie e dalla fine del 2011 ha introdotto il rooming-in al posto del Nido. Si trova in Via di Torregalli, 3.
  • OSPEDALE SANTA MARIA ANNUNZIATA (Ponte a Niccheri) a Bagno a Ripoli: è un ospedale “amico del bambino” e promuove il parto naturale e l’allattamento al seno.  Si trova a Ponte a Niccheri, 58 in Via dell’Antella, Bagno a Ripoli (Firenze).
  • OSPEDALE NUOVO DEL MUGELLO a Borgo San Lorenzo nel Mugello: è attrezzato per il parto in acqua e se non sbaglio è stata una delle prime strutture dell’area fiorentina ad offrirlo.

Quattro anni fa io scelsi Torregalli e nonostante la mia innata allergia agli ospedali mi trovai benissimo, non c’era la tipica atmosfera ospedaliera, il personale fu molto disponibile e professionale in ogni momento. Bravissima e paziente l’ostetrica che mi seguì nel travaglio e parto e di sostegno anche le infermiere nell’attacco della piccola al seno.
Ho comunque avuto amiche che hanno scelto con soddisfazione anche Careggi ed il Santa Maria Annunziata, degli altri non ho invece riscontri “diretti”.

Per quanto riguarda l’epidurale, a parte al Centro Margherita, credo che la pratichino in tutti gli ospedali elencati.

Premesso che ogni parto ha una storia a sè ed ogni donna ha proprie aspettative ed esigenze, come è stata la vostra esperienza in questi ospedali?

Avete qualche consiglio che pensate possa servire ad una futura mamma?

P.S. Se avessi scritto qualche inesattezza, segnalatemelo! Come ho già detto, è passato un po’ di tempo dal mio parto 🙂

Posted in: Gravidanza

About the Author:

Dal 2010 sto riscoprendo la mia città dal punto di vista dei bambini e delle famiglie e, non ultimo, sto imparando il mestiere di mamma, tra gioie ed impazzimenti. Sono blogger, copywriter e social media manager freelance. Mi nutro di storie, sogni, sorrisi e...una buona dose quotidiana di zuccheri!

31 Comments on "Consigli sugli ospedali dove partorire"

Trackback | Comments RSS Feed

  1. Veronica ha detto:

    Ho partito a careggi nel 2013, per mia scelta non alla margherita. Le camere e i servizi non hanno nulla da invidiare ad una clinica privata. Le ostetriche e i dottori in reparto sempre disponibili e gentili. E confermo che l’epidurale è garantita 24/24. Inoltre è possibile cominciare il percorso di accompagnamento al parto dal 7mese,tutte le info sul sito che è sempre super aggiornato

  2. Sabrina ha detto:

    Confermo quanto scritto da Veronica. Anch’io ho partorito a Careggi nel 2013. Partoanalgesia garantita h24 (a meno che l’anestesista non abbia urgenze in quel momento preciso!!!).
    Ho avuto la mia peridurale. Personale superprofessionale. La mia era anche una gravidanza a rischio. Mi sono trovata benissimo.

  3. Silvia ha detto:

    Ho partorito nel 2012 a careggi,entrata al margherita per scelta di parto totalmente naturale mi hanno trasferito dopo 24h in sala parto a careggi,non dilatavo nonostante contrazioni persistenti restavo a 2 cm di dilatazione.a mio avviso hanno insistito troppo al margherita..ok parto naturale ma se non va non va…arrivata sfinita a careggi li personale ottimo e professionale,medici e soprattutto ostetriche bravissime(quella che mi ha assistito al parto la ricordo con tanto amore!),confermo stanze a livello di clinica privata da due posti letto e ostetriche che ti seguono costantemente per l’allattamento dando info con cura e pazienza.careggi consiglio ..margherita personalmente per la mia esperienza no!

  4. Elena ha detto:

    Io ho partorito il 30 dicembre 2007 alla Margherita. .
    Semplicemente fantastico. Passato l’ ultimo dell’anno più bello della mia vita. Poi ho avuto 2 gemelli nel 2010 e li ho partoriti a Careggi. Mi sono trovata molto bene anche se la differenza con la margherita è notevole. Comunque personale qualificato medici competenti insomma tutto quello che serve!! Io sono comunque dell’idea che nascere sia la cosa più naturale al mondo e lo si potrebbe fare tranquillamente a casa. Se va qualcosa storto è bene trovarsi in un luogo attrezzato a ogni evenienza, se poi si mangia male x 2 gg non si muore nemmeno digiunando!! Auguri a tutte le mamme

  5. francine ha detto:

    Anch’io ho partorito a Careggi nel 2013 e mi sono trovata bene, le ostetriche sono state molto gentili e disponibili (mi sono sentita veramente sostenuta e aiutata), e la struttura è nuova e accogliente. Alcune mie amiche si lamentano del dopo parto, come ad esempio l’assistenza alla cura del bambino e per l’allattamento, ma io non avendo avuto bisogno di aiuto i tal senso, sinceramente non saprei giudicare.
    Ora in verità secondo i programmi avrei dovuto partorire alla Margherita, dove sono stata inizialmente ricoverata, ma a seguito del prolungarsi del parto e della posizione un po’ strana del mio bambino, dopo 8 ore mi hanno trasferito nel reparto di Careggi dove ho fatto la flebo di ossitocina e in poche ore il mio bambino è nato!:-)
    Anche alla Margherita il personale è eccezionale, disponibile affettuoso proprio ciò che ci vuole in un momento così delicato della vita di una donna e del suo bambino, ma c’è una cosa che nessuno vi dirà… Oltre ad un gravidanza perfetta per accedervi, alla Margherita bisogna avere anche un parto perfetto, senza grosse difficoltà e che non si dilunghi per giorni come a volte può succedere. E’ una struttura che ha una posizione particolare nell’assetto degli equilibri dell’ospedale di Careggi e non può permettersi passi falsi da nessun punto d vista… quindi quando vedono una situazione che lontanamente può essere rischiosa per la mamma e il bambino, decidono di trasferire in reparto a Careggi dove possono gestire il parto anche con eventuali medicamenti.

  6. Erika ha detto:

    Buonasera mamme
    Ho partorito al margherita due anni fa’.un esperienza unica, meravigliosa.ero stata spinta a provare il parto naturale anche per la mia enorme paura per l episotomia.avevo letto (e confermo) che al margheritA il tasso di episotomia è molto basso. Dopo alcune ore di travaglio le contrazioni si sono bloccate ma grazie al l intervento delle meravigliose ostetriche sono ripartite ed è nato il mio amore. Il parto all Margherita è un esperienza FANTASTICA che consiglio fortemente. Stare al Margherita è come stare nella tranquillità di casa propria con l aggiunta di meravigliose ostetriche che si occupano di te e del tuo bambino. E con la tranquillità che per qualunque problema ci sono dieci mettri di corridoio(forse meno) che separano dalla nuova maternità di careggi. Entrarci non è impossibile! Io consiglio di provarci. Vi renderete conto che è un esperienza meravigliosa.

  7. Ary ha detto:

    L ospedale del Mugello non è a Barberino, ma a borgo San lorenzo. Io sono stata li, e sono stata divinamente! Mi hanno assistita per tutto il travaglio, non sono mai stata sola nemmeno un attimo! Nel post parto mi hanno aiutato tanto anche per l’allattamento al seno. Ospedale eccellente! Per in più nella calma del Mugello!

  8. Jenny ha detto:

    Una voce fuori dal coro. Anch’io ho partorito a Careggi nel 2012 ma, onestamente,non mi sono trovata bene! Diciamo che per quanto riguarda le stanze é vero che sono molto confortevoli. La nota negativa é data dal personale nel mio caso. Purtroppo ho avuto un cesareo d’urgenza quindi, non potendomi muovere dal letto, avrei avuto bisogno di un aiuto in più e se non ci fosse stata la mia compagna di stanza sarei stata in seria difficoltà. Ogni volta che suonavo dal letto per chiamare l’infermiera, mi chiedevano di cosa avessi bisogno. Il problema era che il citofono era vicino alla porta e se non sentivano risposta non veniva nessuno!! In più mi sono sentita dire da un’altra infermiera che mio figlio piangeva tanto perché lo stavo facendo morire di fame!!! Le infermiere più disponibili e gentili le ho trovate di notte! Forse sono stata sfortunata io ma per il prossimo figlio penso proprio che andrò a Torre Galli.

  9. Barbara ha detto:

    Anche io partorito alla maternità di Careggi nel 2013
    Non mi dilungo in quanto posso semplicemente confermare quanto affermato da chi mi ha preceduto nel rispondere,la maternità di Careggi è super accogliente,attrezzatissima e soprattutto,cosa da non sottovalutare,struttura di terzo livello,perché andrà sempre tutto bene ma non si sa mai!!!!
    il personale competente e disponibile sia di giorno che di notte per ogni necessità,le neomamme inesperte possono contare sulla cortesia e comprensione delle ostetriche di turno e dei pediatri
    per quanto riguarda l’epidurale e garantita h24/24,l’unico inconveniente è se l’ anestesista di turno,perché la notte uno solo è di turno,viene impegnato da urgenze…questione di tempistiche…anche se con l’aiuto delle bravissime ostetriche di sala si partorisce benissimo anche senza,l’ho provato personalmente.
    adesso alla maternità di Careggi hanno avviato anche la tecnica del gas come analgesia….maggiori info si trovano sul sito dell’aouc maternità.
    io c’ho partorito e ci ripartorirei

  10. Daniela ha detto:

    Ho partorito alla Margherita a settembre 2013 ed è stata una bellissima esperienza. L’ambiente è tranquillo e le ostetriche gentili e presenti al bisogno. Durante il travaglio veniamo aiutate a sperimentare tutto ciò che può renderlo meno doloroso, ma chiaramente promuovendo il parto fisiologico non è prevista l’epidurale.

  11. Cristina Gasperi ha detto:

    Ho partorito nel 2007 a Careggi, non alla Margherita ma al reparto di maternità. Mi hanno fatto l’anestesia alternativa all’epidurale, l’ultiva. La sconsiglio vivamente. Mi ha bloccato le contrazioni e dopo 12 ore di ossitocina e varie manovre per riattivare le contrazioni mi hanno praticato un cesareo, rovinandomi completamente il parto. Se tornassi indietro non andrei a Careggi, ma a Torregalli dove fanno l’epidurale di routine.

  12. Angela ha detto:

    Ciao a tutte, io due anni fa ho partorito il mio bambino al Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri e adesso che sono di nuovo incinta sono sicura che tornerò a partorire lì. L’ospedale è un po’ datato, i bagni sarebbero sicuramente da rinnovare, ma comunque sono molto puliti e le stanze sono grandi (a me è capitata quella a 3 letti). Il mio parto è stato molto complicato: dopo 7 ore di contrazioni dolorosissime che però non mi permettevano la dilatazione mi hanno fatto l’epidurale. L’effetto dell’analgesia mi ha permesso di recuperare un po’ di forze, perchè dopo altre sei ore hanno deciso di levarmi l’epidurale (naturalmente col mio consenso) e di riprovare per vedere se portavo in fondo il parto naturale. E così è stato, senza alcuna conseguenza per il mio bambino che veniva monitorato costantemente! Io ci ho messo un po’ di più a riprendermi, perchè ho avuto una brutta lacerazione con conseguente emorragia, ma dopo 3 giorni ci hanno comunque dimessi perchè i miei valori stavano riprendendo. Le ostetriche che mi sono capitate sono state tutte molto brave; in stanza intervengono solo se hai necessità particolari o se chiedi aiuto. Per il resto ti mostrano come fare per la disinfezione dell’ombelico o per le prime pulizie, poi ti lasciano svolgere immediatamente il tuo ruolo di mamma senza interferire o senza commenti mortificanti! Certamente se hai bisogno di un consiglio sull’allattamento basta chiedere e ti aiutano. Altro aspetto molto positivo è che non c’è il sovraffollamento che si può trovare in altri ospedali, perchè ultimamente è un po’ passato di moda. Io dopo la prima notte sono rimasta sola in stanza, per cui anche durante il giorno ricevevo visite senza problemi di passo perchè logicamente non davamo noia a nessuno.

  13. Barbara ha detto:

    Mi sono dimenticata di due cose importantissime: alla maternità di Careggi c’è il roomingin,come in quasi tutte le maternità adesso, ed il passo libero,cioè le visite si possono ricevere dalle 8-9 e dalle 12-22 ininterrottamente.

  14. linda muzi ha detto:

    Io ho scelto Santa Maria Annunziata e partoriro’ a luglio…mi è stato consigliato di andare qui perché nel mio caso voglio assolutamente provare il parto naturale voglio essere io a far nascere mio figlio e vorrei provare il parto in acqua. Infatti avevo scelto il centro nascita Margherita ma avendo avuto come primo parto un cesareo, non posso, ma la dottoressa mi ha indirizzata a ponte a niccheri assicurandosi che io sia seguita dal dottor Scuderi Angelo. Sono fiduciosa e vi racconterò la mia rima esperienza a Firenze.

  15. Laura ha detto:

    grazie ragazze per i vostri preziosi consigli e per avermi raccontato la vostra esperienza!!! sono davvero tanto utili per la mia scelta e la scelta di tante future mamme come me!;-)
    Questa settimana spero di riuscire ad andare ad un incontro al Careggi che parla di partoanalgesia e all’open day di Torregalli, così da avere ancora altre informazioni su cui decidere.
    Approfitto ancora della vostra esperienza per chiedere se avete un ginecologo da consigliarmi che magari lavori al Careggi.
    Grazie ancora e …vi terrò aggiornate!!

  16. FRANCI ha detto:

    Ciao Laura
    hai una mail di riferimento?
    Io ho partorito dua volte a Torregalli se vuoi ti posso dare due info sul medico che mi ha seguito e che tuttora mi segue (conosciuta durante il primo parto è mi è molto piaciuta)….

    • miri ha detto:

      Ciao, sono nuova del forum. Sto scegliendo anche io l’ospedale dove partorire. Potresti darmi qualche informazione sul medico che ti ha seguita? Grazie mille, Miri

  17. valeria ha detto:

    Ciao. Anche la mia prima esperienza risale a 5anni fa ma ricordo tutto molto bene. Avevo scelto ponte a niccheri per un parto nature e per la possibilità di usare la vasca. Gravidanza perfetta, analisi OK, contrazioni e dilatazione rapida. Sono pronta. Chiedo la stanza della vasca se è libera. Una ostetrica anziana mi risponde “siè non sei mica un pesce”. E mi tocca la stanza con lettino tipo ginecologico. Alla fine ho voluto almeno lo sgabello e così ho trovato ma mia posizione giusta e partorito. Ostetriche giovani carine ma non ho ricordi particolarmente positivi di niente. In stanza in tre, la ragazza accanto a me aveva un bimbo che ha strillato ininterrottamente per tre giorni, notte compresa. Non è che siano venute un po’ più spesso. Comoda la nursery privata della stanza per cambiare e lavare i bimbi ma i bagni per le mamme sono molto fatiscenti. Il mio bimbo dormiva molto e si attaccava poco e male. Non mi hanno aiutata molto. Per fortuna avevo la mia ostetrica che poi è venuta a casa ad aiutarmi. Adesso aspetto il secondo e sinceramente non penso di tornare là. Alcune amiche hanno partorito al Margherita e trovo bellissime le stanze. Anche sentirsi a proprio agio in quel momento è importante. Molta differenza la fanno comunque le ostetriche. Per la mia esperienza personale, almeno nella prima gravidanza sono molto felice di aver avuto la mia ostetrica personale, sopratutto per il ritorno a casa.

  18. Laura ha detto:

    Ciao ragazze,
    grazie per le risposte,vi mando un aggiornamento…ho studiato entrambe gli ospedali e alla fine ho scelto per Careggi che mi ha fatto una migliore impressione (hanno dedicato più tempo e hannno spiegato con più cura come viene praticata l’epidurale nel loro ospedale e cmq richiedono un incontro obbligatorio con anestesista da fare alla 32ma settimana mentre a Torregalli non è previsto, è sufficiente avere il consenso informato che si riceve all’incontro) anche se Torregalli sicuramente esegue partoanelgesia da molti più anni. Ho trovato anche una ginecolaga dott.sa Martini, al Careggi da cui penso di farmi seguire da Settembre.
    Interessante l’ostetrica personale ma come hai fatto ad averla? ci sono ostetriche che si rendono disponibili privatamente e a pagamento garantiscono la loro presenza al parto?..se è così mi informo perchè condivido che l’ostetrica svolge un ruolo di sicuro molto importante. Tra le altre cose a settembre inizio il corso preparto al Careggi per cui avrò modo di conoscerne qualcuna.
    un saluto a tutte

  19. Claudia ha detto:

    Ciao mamme!!
    mi chiamo Claudia, sono al quinto mese di gravidanza e scrivo dalla Sicilia con furore, molto presto però mi trasferirò a Firenze dato che il mio compagno è fiorentino ed il nostro futuro sarà lì 🙂
    Vi lascio immaginare la mia “paura” dettata dal partorire in una città che non è la mia, non sapendo nemmeno a chi rivolgermi.
    Ho letto diversi vostri commenti e mi sembra di capire che, in ogni caso, dovunque scelga di partorire sarò in buone manei e questo mi rincuora!!
    premessa fatta: mi suggerite dove poter seguire un corso preparto dal settimo/ottavo mese? io sarò a firenze verso fine novembre.
    Mi sembra di aver capito che per partorire a Firenze non occorre avere la residenza ma, chiedo anche a voi…
    Vi ringrazio anticipatamente per le vostre eventuali risposte.
    Vi abbraccio tutte e Buon Parto a NOI!!!!!! 😉

  20. laura ha detto:

    Ciao Claudia,
    come ti capisco anche io mi sono appena trasferita da Roma a Firenze e partorirò al Careggi…. volevo confermarti che non serve la residenza ma ti consiglio di fare come mi hanno suggerito alla ASL di Firenze e cioè di prendere il domicilio sanitatio per motivi di salute, così potrai avere il tuo medico anche qui a Firenze, dopo aver rinunciato a quello in Sicilia.
    Per il tuo bambino che nascerà, non so se lo sai, ma andrà, per legge, residente con la mamma per cui mi dicono dall ASL che dovrò fare l’iscrizione a Roma, mia attuale residenza, senza scegliere il pediatra ma scegliendolo poi alla ASL di Firenze con domicilio sanitario.
    Spero queste info ti siamo utili …
    ciao

  21. Veronica ha detto:

    Mi dispiace ma Io Careggi non lo consiglierei a nessuno e non solo per la mia esperienza personale, assolutamente negativa, ma per le tante storie che ho sentito raccontare. Io voto mille volte Ponte a Niccheri dove ho partorito naturalmente la mia seconda bambina dopo il primo cesareo regalatomi a Careggi. Comunque sceglierete in bocca al lupo!

  22. Maristella ha detto:

    Mi devo trasferire a Firenze per lavoro a breve e sono incinta di 5 mesi. Sono un pochino ansiosa come futura mamma e leggendo i vostri commenti mi sento leggermente rincuorata. Firenze è splendida e l’idea di far crescere lì mia figlia mi piace molto. Spero vada tutto bene
    Per ora prendo spunto dai vostri consigli ed andrò a parlare sia col Careggi che al Ponte a Niccheri suggerito da Veronica

  23. Saretts ha detto:

    Ciao io sono molto indecisa tra Careggi e Torregalli…. La mia istintiva simpatia andrebbe a Careggi,dato che ci sono nata anche io e ho avuto modo nel tempo di andarci, seppur in altri reparti è trovarmi sempre molto bene. Sinceramente però a me non piace per niente questa cosa del passo libero a qualsiasi ora….sarò frulla io, ma dopo aver partorito l’affetto e le visite sin bellissimi e importanti se in certe dosi, poi un po’ di privacy non guasta! 🙂
    Mi confermate che il passo è ancora così free a Careggi? Mi sa che se è così andrò a Torregalli….

  24. Anto ha detto:

    Possiamo solo dire grazie infinite alle ostetriche che gestiscono interamente il Centro. Persone gentilissime ad ogni ora del giorno e della notte. Delicatisse su ogni aspetto e molto molto affettuose. La nascita di nostra figlia sarebbe stata bella ovunque. Anche in ascensore. Ma essere seguiti in un contesto semplice, naturale e familiare ha veramente reso tutto speciale. Niente epidurale, come in natura e il ricovero è molto più rapido. Dovrebbero esserci molti altri centri come il Margherita.
    Una società moderna e civile moltiplicherebbe centri come il Margherita su tutto il territorio nazionale. Invece proprio interamente a Careggi i Signori medici vogliono cancellare questo fantastico ente che costa pochissimo e regala emozioni bellissime. Ovviamente è controproducente diminuire i budget mentre migliori un servizio in questo paese. Aiutate il centro Margherita

    • Francesca ha detto:

      Sono residente all’isola d’Elba ma ho i genitori a Firenze. Ho sempre sognato di partorire in acqua e in genere mi sono sempre trovata benissimo, coccolata e supportata (seppur in altri reparti).
      Vorrei avere maggiori info sul Margherita e su come funziona e se sapete consigliarmi una brava ginecologa che vi lavora e che riceve anche in libera professione.
      Grazie

  25. Cristina ha detto:

    Vorrei sapere un’informazione relativa ai certificati di nascita – l’unico modo per avere scritto Firenze sul certificato e’ di partorire a Careggi, oppure anche al Torregalli va bene? Grazie per le vs. risposte

Post a Comment

buzzoole code